Reflect your style! Le borse Sputnik uniscono stile e visibilità

Se arredato bene, un piccolo appartamento può essere sfruttato alla grande. L’hanno pensato anche le due architette zurighesi Chelsea Morrissey e Stefanie Sixt, che hanno applicato senza esitazioni questo principio ai loro zaini. Il risultato sono degli accessori estremamente versatili, che possono essere utilizzati come borse a mano o a tracolla o appunto come zaini, assicurando a chi li indossa una maggiore visibilità.


Compagni di viaggio luminosi

Le soluzioni pratiche nascono sempre quando le menti creative risolvono un problema della loro quotidianità in modo originale. Proprio quello che sono riuscite a fare le due architette Chelsea Morrissey e Stefanie Sixt. «Il sistema di trasporti di Zurigo è una fitta rete di tram, veicoli a motore e biciclette che si intersecano e sovrappongono con le vie pedonali. La complessità del traffico urbano crea situazioni pericolose per ciclisti e pedoni»: è questa consapevolezza ad averle spinte a realizzare delle borse con elementi riflettenti, afferma Stefanie. Ed è così che hanno dato vita al marchio Sputnik. In russo, il nome del primo satellite inviato nello spazio significa qualcosa come compagno di viaggio o accompagnatore. Grazie alle vistose strisce riflettenti, gli zaini e le borse Sputnik sono i compagni di viaggio ideali di ciclisti e pedoni, che possono così circolare nel traffico all’insegna dello stile, della praticità e della visibilità.

100% Swiss Made

Accanto al fattore sicurezza, la sezione aurea è la caratteristica distintiva delle borse Sputnik. La struttura sorprendentemente semplice di questi accessori e delle loro superfici contribuisce a creare un design convincente. Un altro punto di forza è che sono prodotti al 100% in Svizzera, precisamente presso la Brüggli Textile di Romanshorn, sul Lago di Costanza. La Brüggli è un’associazione che consente alle persone con disabilità fisiche e mentali di acquisire una formazione professionale o essere reintegrate nel mondo del lavoro. I prodotti a marchio Sputnik, tuttavia, mantengono prezzi accessibili. «Al momento le nostre borse vengono vendute direttamente. In questo modo non abbiamo un grande ricarico sul prezzo al dettaglio», spiega Stefanie. Questo stretto contatto con i clienti finali si riflette anche nei design dei modelli, concepiti in base alle loro esigenze.

HowTo_Voyager from SPUTNIK ZURICH on Vimeo.

MADE VISIBLE Gruppo redazionale

Commento